psicopativi fissi

Google Maps: 4 funzionalità che potrebbero essere utili

Dal sito tecnologia un post che può essere utile...

Google Maps è uno degli strumenti made in Google che ha letteralmente cambiato la vita a molti utenti, permettendo loro di raggiungere facilmente qualunque posto, anche in città sconosciute, senza perdersi. Da semplice strumento di mappatura del mondo, infatti, nel giro di pochi anni Maps è diventato un navigatore completo ed efficiente e, negli ultimi tempi, anche uno strumento utile a scoprire attività commerciali e punti d'interesse nei paraggi di una destinazione. Ci sono alcune funzionalità, però, che molti ancora non conoscono: eccone 4.


Primo e più importante: Usare Google Maps offline

Ci sono punti del pianeta, anche dietro casa, in cui non c'è copertura Internet e Google Maps non può funzionare al cento per cento. Per questo è possibile scaricare preventivamente la mappa di queste aree per poter usare il navigatore senza problemi. Dall'interno dell'app di Maps, inseriamo la destinazione scelta e facciamo tap sul suo nome o indirizzo per selezionarla. Dal menu con i tre puntini in alto a destra scegliamo "Scarica mappa offline". Poi ritagliamo l'area della mappa che vogliamo scaricare.

Secondo: Aggiungere tappe intermedie ai viaggi

Dopo aver selezionato il punto di partenza e quello d'arrivo, facciamo tap su "Indicazioni". Poi, dal menu con i tre puntini selezioniamo "Aggiungi tappa". Ne possiamo aggiungere quanti ne vogliamo. In questo modo non solo il calcolo del tempo di viaggio sarà più accurato, ma potremo scegliere un percorso alternativo rispetto a quello lineare tra i due punti (ad esempio se dobbiamo passare a casa di nonna, prima di andare da mamma).

Terzo: Guardare i posti, prima di raggiungerli

Quando scegliamo una destinazione su Google Maps, nell'angolo in basso a sinistra dell'app vedremo una piccola finestrella con dentro una foto del luogo proveniente da Street View. Facendoci tap sopra apriremo Street View a pieno schermo e potremo navigare virtualmente l'area prima ancora di partire.

Quarto: Aggiungere itinerari alla schermata Home

Se siamo soliti usare spesso Google Maps da smartphone come navigatore per fare sempre le stesse tratte, potrebbe tornarci utile salvare questi itinerari e posizionarli sulla Home del cellulare. Per farlo, dopo aver cercato una destinazione e chiesto le indicazioni stradali, possiamo fare tap sul menu a tre puntini e scegliere "Aggiungi itinerario alla schermata Home". In seguito, se abbiamo salvato più di un itinerario, potremo anche raggrupparli tutti in una sola cartella.


10 commenti:

  1. Durante la mia ultima vacanza mi sono proprio chiesta come avrei fatto senza Google Maps, anche se era bello raggiungere le destinazioni chiedendo informazioni per strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io faccio perdere le persone! Non sono proprio capace di spiegare e neanche di esirmermi.
      Quindi dovrei girare con un cartello: non so neanche dove sono girata! Non chiedetemi perché poi vi faccio perdere!

      Elimina
  2. Sai che proprio oggi ho usato Maps offline? Mi è rimasta una piccola schermata quadrata sulla schermata del telefono^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la funzione offline è la più utile da imparare ad usare. Consuma meno che on line sia batteria che giga.

      Elimina
  3. Google Maps è sempre utile, spesso può essere una vera salvezza, soprattutto in città nuove.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 43 anni a Vigevano. Nata e cresciuta qui. E ho bisogno di google maps per le vie o calcolare possibili strade altenative.

      Elimina
  4. Uno degli strumenti digitali a cui non mi sono mai completamente abituata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché vuoi restare a dimensione umana... io no ambisco allo smecolo umano e al rimoleco digitale ^^

      Elimina
  5. Nell'orientarmi sono un po' imbranato, la mappa offline è un riferimento, ma se non so anche in che punto di essa mi trovo, per me è poco utile, tanto vale chiedere a qualcuno del posto.

    Molto interessante l'aggiunta di tappe, non so da quanto esiste ma qualche anno fa mi sarebbe tornata utile, invece ho dovuto fare il percorso a pezzi, effettuando la ricerca ogni volta dopo aver raggiunto una meta intermedia.

    RispondiElimina